Modello aggiunto al confronto

Vai al confronto

Modello rimosso dal confronto

Sono già presenti 5 modelli per il confronto, non è possibile aggiungerne altri

Vai al confronto

Macgest - Trattori e macchine agricole, con un click

2017

29

Nasce la Confederazione agromeccanici e agricoltori italiani

Gianni Dalla Bernardina è il nuovo presidente del Cai, che rappresenta 18mila imprese di contoterzisti agrari e alcune migliaia di imprese agricole distribuite su tutto il territorio nazionale

Fonte: CAI - Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani

Il 27 maggio a Milano Marittima è nata ufficialmente la Confederazione agromeccanici e agricoltori italiani (Cai), nel corso di un'assemblea che ha nominato alla presidenza il veronese Gianni Dalla Bernardina e alla vicepresidenza Sandro Cappellini di Mantova. Il nuovo sindacato rappresenta 18mila imprese di contoterzisti agrari e alcune migliaia di imprese agricole su tutto il territorio nazionale, per un valore alla produzione di 3,7 miliardi di euro (fonte: Istat). 

È l'ultima tappa di un percorso nel contoterzismo agricolo che ha visto la nascita il 5 dicembre 2013 del Coordinamento degli agromeccanici italiani, formato da Unima e Confai (nata nel 2004) e protagonista durante la scorsa Eima International dell'AgroInnovation Tour di Image Line. Unima e Confai, con l'assemblea che ha completato l'unificazione in Cai, di fatto non esistono più. 

"Assumo la presidenza della Confederazione agromeccanici e agricoltori Italiani - ha dichiarato Gianni Dalla Bernardinacon la consapevolezza che per raggiungere obiettivi di crescita sostenibile, il mondo agricolo deve puntare a livelli sempre più alti di integrazione: in questo senso, le imprese agromeccaniche rappresentano un potente strumento per creare spazi di incontro e di collaborazione tra i differenti protagonisti del mondo rurale”.
 

Il dialogo, per il vicepresidente vicario, Sandro Cappellini, "dovrà investire anche le istituzioni, affinché si definiscano le regole per nuove politiche di sviluppo rurale, che favoriscano la cooperazione tra diversi protagonisti del mondo rurale, senza discriminazioni, ma con l'obiettivo di rilanciare concretamente i diversi sistemi territoriali”.
Oggi il settore del contoterzismo agricolo è rappresentato da circa 18.000 imprese, di cui 10.000 professionali, che operano in favore di circa un milione di aziende agricole, effettuando oltre 65% delle operazioni agricole eseguite con mezzi meccanici e con punte che superano il 98% per la raccolta dei cereali, il 70% per la raccolta delle colture industriali (come pomodoro da industria o barbabietola) e il 70% dei trattamenti fitosanitari. 
Secondo i dati dell'ultimo censimento in agricoltura, 212.000 aziende agricole (13% del totale) hanno affidato completamente la gestione a imprese di meccanizzazione agricola, affidando in toto ai contoterzisti una superficie di 1 milione di ettari.
Tra le attività di supporto e quelle secondarie, il contoterzismo genera un valore complessivo di 10,6 miliardi di euro (dato: 2015, fonte Crea), in crescita del 24,8% rispetto al 2010.

Cai rappresenta oltre l'85% dell'impresa sindacalizzate ed è costituita da sei federazioni regionali (Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Piemonte, Toscana, Marche), 55 associazioni territoriali, dall'Unione nazionale frantoi oleari (a sua volta costituita da 24 strutture provinciali).

"Tra gli obiettivi del nuovo sindacato unitario delle imprese agromeccaniche e agricole - afferma Gianni Dalla Bernardina - il raggiungimento della definizione legislativa della figura dell'agromeccanico professionale e l'avvio di un dialogo fra sistema agricolo e istituzioni e la collaborazione fra tutti i soggetti del comparto primario”.
Seguici su AgroNotizie.it e Macgest.com per tutti gli aggiornamenti in merito a questa notizia.
 

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

In questa sezione
I nostri Partner

Macgest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)