Modello aggiunto al confronto

Vai al confronto

Modello rimosso dal confronto

Sono già presenti 5 modelli per il confronto, non è possibile aggiungerne altri

Vai al confronto

Macgest - Trattori e macchine agricole, con un click

2014

4

Mercato delle macchine agricole, la luce alla fine del tunnel

Fieragricola raccoglie le testimonianze dei costruttori sulle strategie per contrastare il calo di vendite. Il comparto chiede che anche i contoterzisti possano accedere ai fondi del Psr

Fonte: VeronaFiere

Con le misure dei nuovi Programmi di sviluppo rurale e magari la possibilità di accesso ai bandi anche ai contoterzisti, si potrebbe vedere una luce in fondo al tunnel delle immatricolazioni di trattrici e mezzi agricoli, che anche nel primo semestre del 2014 ha segnato una contrazione del 4,4 per cento per le trattrici rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (fonte: FederUnacoma).

Un ruolo di "vetrina" sulle nuove tecnologie delle meccanica agricola dovrà, inoltre, essere sempre più affidato a manifestazioni fieristiche di rilievo, come Fieragricola, che nell’ultima edizione ha registrato oltre mille espositori e 140mila visitatori.

È questa la sensazione espressa da alcuni degli operatori del territorio (costruttori di macchine e attrezzature agricole), intervistati dall’Ufficio stampa di Fieragricola di Verona.

Il Veneto, peraltro, ha registrato una flessione più limitata nell’immatricolazioni di trattrici: -1,8 per cento e 1.063 trattori nei primi sei mesi dell’anno.

Cifre che strappano un commento positivo a Paolo Andreone, marketing and communication manager di New Holland Agriculture, mercato Italia: "Il Veneto ha una meccanizzazione tecnologicamente avanzata e un piano programmatico in agricoltura oculato, per questo ha risentito meno rispetto ad altre realtà".

Rimane, parlando in termini generali, un problema di redditività.
"Purtroppo le ultime due annate agrarie sono state caratterizzate da condizioni meteo-climatiche sfavorevoli – prosegue Andreone –  prima la siccità e i problemi di aflatossine nel mais, che hanno duramente colpito il Nord Italia, poi le piogge che hanno costretto gli agricoltori a seminare con un mese di ritardo, mentre quest’anno abbiamo passato gli ultimi mesi con precipitazioni molto al di sopra dell’ordinario. Se gli imprenditori agricoli non guadagnano, non investono".

Il 2014, secondo Andreone, "potrebbe subire un rallentamento fisiologico per l’assenza di misure specifiche nei Psr, che partiranno dal prossimo gennaio. Ormai siamo abituati che le aziende agricole investono per lo più se possono accedere ai fondi dello Sviluppo rurale, altrimenti rimandano. Ma ad oggi, se escludiamo Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna e poche altre Regioni, i Psr non sono ancora stati inviati a Bruxelles, che ha 90 giorni di tempo per approvarli, si rischia di slittare in avanti".

Per il futuro il responsabile marketing e comunicazione del mercato Italia di New Holland Agriculture è piuttosto ottimista, a patto che riparta l’economia e che si coinvolgano anche le imprese di meccanizzazione agricola nei bandi del Psr.
"Se un agricoltore, per ipotesi, fa un investimento da 100mila euro, un contoterzista lo fa da un milione di euro – spiega Andreone – Vogliamo far crescere il mercato e non diamo modo al contoterzista di accedere al mercato?"

Favorevole al coinvolgimento delle imprese di meccanizzazione agricola anche Luciana Breviglieri, presidente dell’omonima azienda di Nogara (Vr): "Lo ha chiesto con forza tutta FederUnacoma, che rappresenta i costruttori di macchine e attrezzature agricole. Escluderli è una sciocchezza, anche perché il contoterzista è una figura in espansione in tutta Europa e sono quelli che investono maggiormente nell’innovazione, senza dimenticare che, molto spesso, fanno da tester per le nostre macchine".

Attenzione, però, a generalizzare. "Se da un lato le vendite di trattori sul mercato domestico sono in contrazione – osserva Breviglieri – il segmento degli implements in molti casi ha segnato dati positivi sia in Italia che all’estero, dove l’intero comparto delle macchine agricole è in crescita".

I numeri relativi al primo semestre 2014 (fonte: FederUnacoma su dati Istat), infatti, evidenziano un incremento a valore del 3,4 per cento per le trattrici (539 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo 2013, e del 4,6 per cento per le altre macchine ed attrezzature agricole (1 miliardo e 89 milioni di euro).

Le prospettive per il futuro sono comunque positive.
"Dobbiamo fare i conti con una popolazione mondale in crescita, che ha bisogno di tecnologie efficienti per coltivare di più e meglio, rispettando il terreno – sostiene Breviglieri – e per trattrici e implements significa nuovi spazi di mercato a livello mondiale, da perseguire magari attivando joint venture sul territorio, piuttosto che delocalizzando, pratica che non ha avuto il successo che alcuni auspicavano". Secondo Luciana Breviglieri, in quest’ottica, Fieragricola "potrebbe giocare un ruolo di ponte verso l’Africa, un mercato che, con le dovute differenze, ha forti prospettive di crescita".

Si dice fiducioso anche Paolo Marchetti, presidente di Marchetti Macchine Agricole di Este (Padova): "Attendiamo il via del nuovo Programma di sviluppo rurale, ma siamo convinti che gli operatori, contoterzisti in primis, dovranno indirizzarsi verso nuove strategie colturali, preso atto di un cambiamento climatico in corso, che impone tecniche di lavorazione del terreno differenti".

Nuove prospettive, secondo Marchetti, anche da due segnali piuttosto evidenti: "L’espansione del contoterzismo, che sostiene la modernizzazione della meccanica agricola, e la nuova frontiere dello smaltimento e valorizzazione dei reflui zootecnici, per effetto da un lato della direttiva nitrati e dall’altro per il ridimensionamento degli impianti di biogas alimentati a cereali".

La contrazione delle vendite di macchine agricole ha influenzato anche l’approccio dei rivenditori al mercato. "Nessuno fa più magazzino e cambia anche il post-vendita – afferma Marchetti – Chi è in grado di assicurare un servizio di assistenza efficiente, puntuale e tempestivo all’acquirente, ha delle carte migliori sul mercato".

In questo articolo

Marchi e aziende

Suggerimenti? Pensi che le informazioni riportate in questa pagina siano da correggere? Scrivici per segnalare la modifica. Grazie!

In questa sezione
I nostri Partner

Macgest® è un sito realizzato da Image Line®
® marchi registrati Image Line srl Unipersonale (1990 - 2019)