Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Registrati gratuitamente la tua agricoltura è online!
Una Mano per i Bambini

Registrati gratis

Iscriviti alla Community di Image Line Network per utilizzare tutte le funzioni del calcolo costi.

Registrati gratis

Registrati gratuitamente per inviare una richiesta di informazioni.

Hai aggiunto un modello al confronto

Puoi selezionare fino ad un massimo di 5 modelli per metterli a confronto e consultarne le schede tecniche affiancate. Per vedere il confronto tra i modelli selezionati clicca sul pulsante Confronta.

Vuoi eliminare questo modello dal confronto?

Vuoi eliminare tutti i modelli dal confronto?

Hai selezionato solo 1 modello

Seleziona almeno 2 modelli per metterli a confronto.

Hai già selezionato 5 modelli

Elimina almeno un modello dal confronto per aggiungerne altri.

201719mag

Sardegna, trattori senza gasolio agevolato

La protesta degli agricoltori, alle prese con un software di gestione delle richieste lento e con parametri non adeguati alle reali esigenze delle aziende
trattore-giocattolo-pallottoliere-macchine-agricole-by-comugnero-silvana-fotolia-750.jpg

I conti non tornano: per far lavorare i trattori gli agricoltori sardi stanno pagando il gasolio a prezzo pieno: euro 1,40

Gli agricoltori della Sardegna sono sul piede di guerra. Le tabelle di assegnazione del gasolio agricolo agevolato si stanno rivelando inadeguate alle esigenze reali delle aziende agricole e il nuovo software per caricare i libretti ha allungato a dismisura i tempi. La conseguenza è che gli imprenditori agricoli per lavorare stanno acquistando il gasolio dal distributore a prezzi doppi rispetto all’agevolato: 1,40 euro al litro anziché 0,70. Una forma iniqua di tassa sul lavoro dell'impresa agricola, visto che la mancata agevolazione serve a tagliare proprio le unghie del fisco. Stesse anomalie AgroNotizie le ha già registrate recentemente in Campania.

“E’ una bomba ad orologeria – dice senza giri di parole Priamo Picci, il presidente di Arpos, la cooperativa che riunisce quasi tutti i produttori sardi di carciofi -, in un’annata disastrosa come questa non possiamo permetterci il lusso di pagare il gasolio a prezzo pieno. Per assegnare il gasolio agricolo si utilizzano dei parametri inadeguati che non rispondono alla realtà. Ad essere penalizzati sono soprattutto i produttori di carciofi e ortive a cui viene assegnato il 50 per cento di gasolio in meno rispetto a quello realmente consumato. Di questo passo siamo costretti a lasciare le terre incolte”.

Come se non bastasse è stata stravolta la modalità di richiesta di presentazione delle agevolazioni di gasolio. La Regione autonoma di Sardegna ha messo in piedi un sistema articolato che moltiplica i tempi di lavorazione delle singole domande. Secondo una stima di Coldiretti Sardegna, l’operatore del Centro di assistenza agricola delle organizzazioni agricole quest’anno impiega oltre un’ora per gestirla anziché 10 minuti come negli anni scorsi. 

La burocrazia sta praticamente soffocando l’agricoltura – dice il direttore di Coldiretti Cagliari, Vito Tizzano -: da una parte non si adeguano le tabelle alle particolari esigenze delle diverse colture (soprattutto per le carciofaie e le ortive) e dall’altra si allungano i tempi con complesse procedure che non portano alcun beneficio. Abbiamo realizzato degli studi sulle quantità di gasolio necessarie per le singole colture in cui si dimostra che le attuali tabelle sono inadeguate. La Regione non può continuare a fare da spettatore ad una situazione al limite, deve essere più reattiva e rispondere alle richieste legittime degli agricoltori”.

Altre news relative a...