Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Registrati gratis

Iscriviti alla Community di Image Line Network per utilizzare tutte le funzioni del calcolo costi.

Registrati gratis

Registrati gratuitamente per inviare una richiesta di informazioni.

Hai aggiunto un modello al confronto

Puoi selezionare fino ad un massimo di 5 modelli per metterli a confronto e consultarne le schede tecniche affiancate. Per vedere il confronto tra i modelli selezionati clicca sul pulsante Confronta.

Vuoi eliminare questo modello dal confronto?

Vuoi eliminare tutti i modelli dal confronto?

Hai selezionato solo 1 modello

Seleziona almeno 2 modelli per metterli a confronto.

Hai già selezionato 5 modelli

Elimina almeno un modello dal confronto per aggiungerne altri.

Novità dalle aziende
201722mag

Orticoltura a tutto vapore

Combinando vapore e sostanze inorganiche a reazione esotermica, la Ecostar SC600 di Celli permette la geodisinfezione del terreno senza ricorrere a molecole di sintesi
celli-ecostar-sc-600.png

La Ecostar SC600 di Celli

Ecostar SC600 di Celli è una macchina semovente, manovrabile anche in remoto con apposito telecomando, che opera la geodisinfezione del terreno tramite iniezione di vapore.

Sospinta da motori Kohler, la macchina eroga il vapore tramite due differenti barre. La prima opera a livello del terreno, la seconda scorre a una profondità di circa 20-25 centimetri. Mentre il vapore agisce a temperature intorno fra i 160 e i 180 °C, nel terreno vengono anche miscelate sostanze capaci di reazioni esotermiche, ovvero di generare ulteriore calore, come l'idrossido di potassio, incorporato tramite uno spargitore e una zappatrice rotativa di cui la macchina è accessoriata.

Di fatto, durante il trattamento si raggiunge un picco di 90 °C per pochi minuti e poi si mantiene lo strato trattato intorno a 70 °C per diverse ore. Ciò permette di avere una buona azione di disinfezione disinfestazione evitandodi creare il cosiddetto vuoto biologico causato invece da temperature maggiori.

La combinazione di cui sopra permette di effettuare la geodisinfezione tramite un'azione combinata fisica e chimica, senza però lasciare residui nel terreno.

La macchina avanza su cingoli in gomma a velocità comprese fra i 75 e gli 85 metri/ora, fino ad arrivare a 150 operando su terreni già caldi per ragioni atmosferiche, e può stendere dietro di sé anche un film in polietilene, lasciando il terreno avulso da agenti patogeni e permettendo di trapiantare o seminare a sole 24 ore dal trattamento. Un vantaggio notevole rispetto al tempo necessario, pari ad alcune settimane, in caso si adoperino geodisinfestanti di sintesi. 
 
Guarda il filmato della Ecostar SC600 di Celli in azione: