Accedi Registrati Non ricordi la password? ?  
Una Mano per i Bambini

Registrati gratis

Iscriviti alla Community di Image Line Network per utilizzare tutte le funzioni del calcolo costi.

Registrati gratis

Registrati gratuitamente per inviare una richiesta di informazioni.

Hai aggiunto un modello al confronto

Puoi selezionare fino ad un massimo di 5 modelli per metterli a confronto e consultarne le schede tecniche affiancate. Per vedere il confronto tra i modelli selezionati clicca sul pulsante Confronta.

Vuoi eliminare questo modello dal confronto?

Vuoi eliminare tutti i modelli dal confronto?

Hai selezionato solo 1 modello

Seleziona almeno 2 modelli per metterli a confronto.

Hai già selezionato 5 modelli

Elimina almeno un modello dal confronto per aggiungerne altri.

Novità dalle aziende
201713mar

Massey Ferguson aumenta la potenza con l'MF 8740

Presentati al Sima il nuovo modello serie 8700, l'inedita testata MF CornFlow e altre novità. Il mercato globale e le prospettive future tra gli argomenti della conferenza del 26 febbraio 2017
mf-8740-sima-2017.jpg

Massey Ferguson 8740, lanciato al Sima 2017

Fittissima l'agenda dell'incontro Massey Ferguson, che, tenutosi nell'auditorium Jean Thèves al Sima lo scorso 26 febbraio, ha visto la partecipazione di Richard W. Markwell, presidente di Agco e vice presidente Massey Ferguson Europe/Africa/Middle East, Rob Smith, vice presidente senior Agco Europe/Middle East, Campbell Scott, marketing services director MF, e Thierry Lhotte, vice presidente e managing director MF EME.

I manager, pur concentrandosi su temi diversi, hanno messo in evidenza all'unisono i continui progressi del brand "a tre triangoli", che oggi è tra le aziende leader nel mercato mondiale delle macchine agricole. L'ultimo passo della crescita inarrestabile di Massey Ferguson è il lancio mondiale del potentissimo trattore MF 8740 e della gamma di testate heavy duty CornFlow proprio nell'ambito del salone francese.
 
Il nuovo trattore MF 8740 al Sima 2017

Massey Ferguson guarda al futuro
Richard Markwell ha aperto la conferenza stampa esponendo il programma MF Fast Forward, che prevede il rafforzamento del business Massey Ferguson e lo sviluppo del potenziale Agco tra gli obiettivi futuri.

A tal proposito, la trasformazione significativa di MF è già iniziata. Infatti nell'ultimo periodo è stata estesa la rete globale, è stato rinnovato lo stabilimento francese di Beauvais e, soprattutto, sono state prodotte le nuove Global Series 4700, 5700, 6700 e 6700S, uniche in termini di efficienza e affidabilità.
"Possiamo essere orgogliosi degli investimenti fatti: la fabbrica di Beauvais, in cui abbiamo investito 300 milioni di euro dal 2010, è stata riconosciuta Factory of the Year 2016 dalla rivista Usine Nouvelle, - ha specificato il presidente Agco - mentre le Global Series si sono aggiudicate diversi premi".

Massey Ferguson si è aggiudicata più di un riconoscimento anche nel corso dell'appuntamento parigino. Infatti, oltre ad aver portato a casa una menzione del Sima Innovation Awards per il sistema elettronico Top-link control, ha vinto il concorso Macchina dell'anno nella categoria di trattori di media potenza con il modello MF 6718 S, costruito a Beauvais e visto ad Eima International.
 
Il trattore MF 6718 S al Sima 2017

L'Africa e i giovani tra i pensieri di Agco
Markwell ha lasciato la parola a Rob Smith, secondo cui il mercato di Massey Ferguson è sempre più esteso a livello globale e ha registrato buoni risultati in Africa.
"Oggi Agco offre una gamma prodotto completa e può contare su oltre 3.100 dealers e sulla presenza in più di 140 Paesi - ha esordito il general manager - Nel 2016, le vendite nette del gruppo sono risultate del valore di 7,4 miliardi di dollari e sono state pari al 57 per cento del totale nell'area EAME, il 24 per cento in Nord America, il 12 per cento in America Latina e il 7 per cento nella zona Asia/Pacifico".

Riguardo al mercato di Massey Ferguson, lo scorso anno le vendite si sono distribuite per il 48 per cento in Europa, Africa e Medio Oriente, per il 24 per cento in Nord America, per il 18 per cento in Sud America e per il 9 per cento nell'area Apac.
A detta di Smith, l'espansione su scala mondiale del brand è merito degli investimenti in Capital Expenditure, ovvero fondi per acquisire asset durevoli, in ricerca&sviluppo ingegneristici, nel miglioramento della distribuzione e dell'assistenza clienti e nell'apertura di centri a Johannesburg e Gebze, che rafforza la presenza del "triplo triangolo" sui mercati in crescita di Sudafrica e Turchia.
 
Le vendite globali di Massey Ferguson nel 2016

"Agco e Massey Ferguson continuano a puntare non solo sullo sviluppo di tecnologie innovative, ma anche sulla partnership con i 2 milioni di giovani agricoltori europei, - ha continuato il vice presidente senior - provenienti da 23 Stati membri e facenti parte del Ceja".

MF 8740, un top model al Sima 2017
Pensando proprio alla necessità dei giovani operatori di far quadrare i conti in azienda, Massey Ferguson ha sviluppato e presentato al Sima il nuovo MF 8740, il trattore più potente mai prodotto dal brand che va ad arricchire la migliorata serie 8700, ora composta da 6 modelli con potenze comprese tra 270 e 405 cavalli.

Dotata di un motore Agco Power a 6 cilindri da 8,4 litri, che utilizza Scr per risultare conforme al Tier 4 Final, l'ultima trattrice MF presenta una potenza massima di 400 cavalli, aumentata a 405 mediante Engine Power Management, e una coppia massima di 1.540 newtonmetri, incrementata a 1.600 con EGM.
Pur essendo così potente, l'8740 è caratterizzato da un peso contenuto e dal miglior rapporto peso/potenza della categoria, pari a 26,7 chilogrammi su cavalli.
"Il ridotto rapporto peso/potenza, unito alla presenza dei nuovi pneumatici opzionali Michelin, consente alla trattrice di offrire un'impronta a terra ampia e una trazione eccezionale, - ha spiegato Campbell Scott - proteggendo così il terreno agrario dal compattamento".
 
Il nuovo trattore MF 8740 al Sima 2017

Confrontando le performance del MF 8740, che conta su 400 cavalli a qualsiasi velocità, con il fratello minore MF 8737, che invece raggiunge i 370 cavalli a velocità inferiori ai 15 chilometri orari, lo staff Massey Ferguson ha registrato un -7 per cento nei tempi di salita su pendii ed un -8 per cento nei tempi di ripresa del nuovo modello, soluzione ideale per il risparmio di tempo e per il trasporto.  
In più, l'ultimo nato della casa costruttrice presenta una coppia massima sulle ruote di 1490 newtonmetri contro i 1370 del modello MF 8737, vale a dire un incremento di coppia pari al 8 per cento, che assicura un aumento degli output orari e quindi una riduzione dei costi.

Il revamping della serie MF 8700
Attualmente tutti i modelli della gamma, compreso l'MF 8740, montano di serie la valvola freni pneumatici per rimorchio, la trasmissione Dyna VT e l'inedito terminale Datatronic 5.
 
Il trattore MF 8730 al Sima 2017

La trasmissione Dyna VT ricorre al sistema Dynamic Tractor Management, che, regolando automaticamente la velocità, raggiunge risparmi e prestazioni ottimali.
Semplice come un tablet e compatibile con Isobus, il Datatronic di quinta generazione si presenta sotto forma di un touch screen a colori da 9 pollici e offre la guida automatica satellitare con AutoGuide, oltre a diverse funzioni opzionali per l’agricoltura di precisione. Tra queste, il controllo di sezione automatico e di portata variabile e la mappatura gestiti da AgControl, la registrazione dei dati controllata da TaskDoc™ e da TaskDocPro e il monitoraggio dei macchinari eseguito da AgCommand.

Particolarmente innovativi risultano i nuovi optional della potente serie MF, ovvero i pneumatici Michelin AxioBib2 VF 650/85 R42 sopra citati e l'impianto da 18 Led.
"Con un design particolarmente flessibile del fianco, gli AxioBib2 montati in fabbrica distribuiscono il peso in maniera più efficace e migliorano la trazione fino al 28 per cento, - ha spiegato Scott - mentre, con 44.400 lumens contro i 41.600 delle serie MF 7700/6700 S, il sistema di illuminazione Led assicura una produttività al top 24 ore su 24, 7 giorni su 7".
 
Il trattore MF 8730 equipaggiato con pneumatici Michelin Axiobib2

Tra le altre dotazioni non trascurabili dei modelli 8700, l'attacco a tre punti con capacità di sollevamento di 12 mila chilogrammi, l'attacco frontale opzionale da 5 mila chilogrammi, il sistema idraulico a centro chiuso load sensing da 205 litri al minuto e la presa di potenza 540Eco/1000 o 1000/1000Eco.
La pdp posteriore, quando impegnata, può contare su una potenza supplementare di 30 cavalli, fornita dall'EPM, e presenta le modalità di funzionamento risparmio e auto. La prima modalità entra in funzione a 1.600 giri al minuto per risparmiare carburante, la seconda è disinnescata al superamento dei 25 chilometri orari.

La novità per la raccolta 2017? MF CornFlow!
Nel corso dell'appuntamento parigino, Massey Ferguson ha lanciato anche la nuova serie di testate per mais MF CornFlow, che assicura ottime prestazioni e ridotte perdite di prodotto e si abbina perfettamente alle mietitrebbie MF ActivaActiva SBetaCentora e Delta
Otto i modelli dell'inedita gamma, che annovera versioni rigide e pieghevoli, con larghezze di trasporto di 3 metri per le testate a 6 file e 3,5 metri per quelle a 8 file. Le file sono distanziate tra loro da 70 o 75 centimetri.

Disegnate da Massey Ferguson, costruite dall'azienda Capello e dotate delle soluzioni ingegneristiche Agco, le CornFlow si distinguono per l'attacco saldato HookUp, per la connessione Plug 'n play, per il cofano in tecnopolimero e, ovviamente, per il design "tre triangoli" conosciuto in tutto il mondo.
Sia il moderno materiale sia l'affidabile design consentono un flusso di prodotto senza intoppi e l'assorbimento dei colpi delle pannocchie all'interno della macchina, anche nelle condizioni di campo più difficili.
 
La nuova testata MF CornFlow sulla mietitrebbia MF Activa 7345 S

Puntando ad aumentare l'affidabilità delle testate, Massey Ferguson ha montato piastre particolari, che riducono i danni alla coltura e le perdite di chicchi e allungano la vita utile delle attrezzature, e catene heavy duty con guarnizioni O-ring e rulli, che non richiedono nessun intervento di manutenzione
Infine la modalità di taglio delle lame delle MF CornFlow apporta diversi vantaggi in post-raccolta, tra cui la rapida decomposizione dei residui colturali nel terreno e la conseguente esecuzione senza ostacoli delle operazioni successive.

L'azienda parte di Agco fa sapere che la nuova serie MF CornFlow sarà disponibile tanto in Europa quanto in Medio Oriente.

Un'offerta rinnovata per l'uso del caricatore
Dopo aver svelato le novità prodotto, Campbell Scott è passato ad illustrare le nuove dotazioni delle serie MF 4700 e MF 5700, concepite per la fascia polivalente tra i 60 e i 130 cavalli e ideali per le operazioni di carico.

"La spaziosa cabina climatizzata delle Global Series, la più confortevole della categoria, è stata equipaggiata con avanzato Electronic Linkage Control, - ha dichiarato il direttore marketing MF - che offre un controllo ottimizzato dell'attacco posteriore e un semplice aggiustamento dei parametri".
Altra novità specifica per la cabina è il tetto opzionale Visioline, che, protetto da barre in metallo e compatibile con gli standard di protezione Rops e Fops, potenzia la visibilità, la sicurezza e l'efficienza nella movimentazione dei carichi. Visioline è in vetro temprato, materiale unico in termini di prestazioni.
 
Il trattore MF 5710 al Sima 2017

Per rendere i propri trattori ancor più performanti nelle operazioni di carico, Massey Ferguson ha addirittura sviluppato un pacchetto per il caricatore meccanico, che, con sottotelaio, blocco idraulico, joystick meccanico multifunzione e trasmissione PowerShuttle opzionale, agevola il controllo dell'attrezzo e incrementa la versatilità delle macchine. 
"Tutte le nuove soluzioni sono perfettamente integrate nel design dei trattori Global Series" ha sottolineato Scott.

Carichi mai visti con la gamma MF FL
Alla conferenza MF si è parlato anche dei caricatori frontali MF FL, migliorati in vista dell'aumento della sicurezza, della performance, della fruibilità e del comfort. L'upgrade di queste attrezzature è stato funzionale alla riduzione del peso, al miglioramento della capacità e dell'altezza di sollevamento, all'ampliamento degli angoli di lavoro e, soprattutto, all'incremento della connettività.

"Il terminale Q-Companion opzionale, con un'interfaccia user-friendly, fornisce tutte le soluzioni di cui l'operatore ha bisogno, - ha continuato Scott - come la pesatura dinamica del carico, il monitoraggio della posizione dell'attrezzo, la registrazione dei dati del ciclo di carico e il controllo del kit opzionale di illuminazione Led".
 
I miglioramenti introdotti sui caricatori MF FL

Le sorprese non sono ancora finite. Massey Ferguson ha aggiunto tre inediti caricatori alla gamma, che ora conta ben 20 modelli, partner perfetti per gli ultimi trattori MF, da quelli serie 4700 a quelli serie 8700. Le 16 versioni autolivellanti ad attacco parallelo raggiungono i 5 metri di altezza con carichi da 3.300 chilogrammi, mentre le 4 non autolivellanti alzano carichi da 2.700 chilogrammi fino a 4 metri di altezza.

Le tre new entries sono MF FL.4220, pensato per gli MF 5700 SL, MF FL.4621, ideale per la serie MF 6700, e MF FL.5029, adatto ai trattori più grandi delle Global Series.
"Questi attrezzi, designati, ad esempio, MF FL 4220 per indicare l’altezza di sollevamento di 4,2 metri e la capacità di sollevamento di 2 mila chilogrammi, - ha spiegato il marketing director - combinano un funzionamento robusto con una migliore visibilità, durevolezza e affidabilità e rafforzano ulteriormente la posizione di leadership di Massey Ferguson sul mercato dei trattori con caricatore frontale".
 
Il caricatore MF FL.3817 al Sima 2017

La crescita Massey Ferguson in 5 punti
Thierry Lhotte, concludendo l'incontro MF del 26 febbraio, ha affermato: "I clienti sono al centro di ogni nostra azione e a loro e ai dealer è rivolta l'attenzione di Massey Ferguson, consapevole dei rischi attuali, da quelli più legati all'agricoltura, quali i cambiamenti climatici, la volatilità dei prezzi delle commodities e le variazioni dei tassi di scambio, a quelli geopolitici, tra cui il rallentamento dell'economia cinese".

Ponendosi l'obiettivo di aiutare i giovani agricoltori a produrre di più e meglio - viste le previsioni sull'aumento della popolazione mondiale e sui cambiamenti nelle diete alimentari - MF non solo continua a fornire soluzioni efficaci per l'agricoltura, ma adotterà anche una nuova strategia quinquennale di crescita, chiamata MF Growing Together 5, i cui attori e beneficiari principali sono i clienti, i rivenditori e i produttori.
Cinque le azioni innovative del piano: la trasformazione dei processi digitali, il potenziamento qualitativo della rete di dealer, la rigorosa pianificazione globale dei prodotti, il preciso posizionamento del brand, unito al controllo dei costi, e infine l'attenzione totale ai clienti MF.

"La trasformazione digitale permetterà di migliorare il livello di contatto con i clienti, per garantire loro un'esperienza positiva lungo l'intero ciclo di vita dei prodotti MF, - ha specificato Lhotte - ciclo che parte dalla conoscenza del marchio da parte dell'operatore e si conclude con il ritorno di questi al centro assistenza di Massey Ferguson, il brand connesso per eccellenza".
 
La trasformazione digitale influirà sul ciclo di vita dei prodotti Massey Ferguson

Diversamente lo sviluppo della rete di dealer vede la sua concretizzazione nel progetto "Route 66", che, attraverso il raggiungimento di standard minimi prefissati, punta al potenziamento della forza e della qualità dei servizi offerti nell'ottica di accrescere la soddisfazione dei clienti.

A proposito della pianificazione prodotto, attualmente MF offre 55 nuove soluzioni business, tra cui 15 gamme trattori e 40 modelli di mietitrebbie e macchine da raccolta. In sostanza, un'offerta che copre tutti i segmenti, oltre ad essere supportata da servizi assistenza e pacchetti finanziari.
"Il posizionamento ed il targeting preciso si basano su stabilimenti e processi più snelli ed efficienti, oltre che sul miglioramento della produttività dell'organizzazione e sulla riduzione dei costi prodotto complessivi" ha proseguito con decisione Lhotte.

L'ultimo argomento affrontato in chiusura riguardava la crescita prefissata delle quote di mercato MF entro il 2021. A tal fine, Lhotte ha salutato la stampa promettendo la commercializzazione di 10 mila trattori in più nell'area EME,che sarà possibile grazie ad una massiccia offensiva prodotto, al buon posizionamento del brand, alla trasformazione del network di dealer, al talento dei dipendenti e, ovviamente, all'esperienza dei clienti.
 
L'offensiva di prodotto di Massey Ferguson fino al 2021

"Il piano MF Growing Together 5 è stato sviluppato per creare più valore e, di conseguenza, più valore aggiunto per tutti noi: clienti, rivenditori e produttori" ha concluso il manager.